ADEMPIMENTI DI LEGGE

ADEMPIMENTI 4/2013

L’associazione Professionisti Home Staging Italia ha seguito  il percorso richiesto dal Ministero dello Sviluppo economico per ottenere l’inserimento  nell’elenco in materia di professioni non organizzate  ai sensi della LEGGE 14 gennaio 2013 , n. 4  in vigore dal 10 febbraio 2013

In questa pagina si riepiloga quanto previsto come obblighi dalla suddetta legge relativamente allo statuto, al regolamento e alla comunicazione.

ASSOCIAZIONI PROFESSIONALI

  • Gli associati sono informati, ai sensi dell’art. 1 comma 3 della legge 4/2013, della necessità di contraddistinguere la propria attività, in ogni documento e rapporto scritto con il cliente, con l’espresso riferimento agli estremi della presente legge nonché delle responsabilità derivanti dall’inadempimento rientrante nelle pratiche commerciali scorrette cui al titolo III della parte II del codice del consumo, di cui al decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206.
  • Lo statuto ed i regolamenti, ai sensi del comma 2 dell’art. 2 della legge 4/2013, garantiscono la trasparenza delle attività e degli assetti associativi, la dialettica democratica tra gli associati, l’osservanza dei principi deontologici, nonché una struttura organizzativa e tecnico-scientifica adeguata all’effettivo raggiungimento delle finalità dell’associazione.
  • L’associazione promuove, ai sensi del comma 3 dell’art. 2 della legge 4/2013 la formazione permanente dei propri iscritti attraverso differenti modalità (eventi e seminari, e-learning, corsi convenzionati, ecc.). L’associazione ha inoltre adottato un codice di condotta, codice etico, ai sensi dell’art. 27 -bis del codice del consumo, di cui al decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, vigilando altresì sulla condotta professionale degli associati e ha stabilito le sanzioni disciplinari da irrogare agli associati per le violazioni del medesimo codice.
  • Ai sensi del comma 4 dell’art. 2 della legge 4/2013 è stato attivato lo sportello di riferimento per il cittadino consumatore,  presso il quale i committenti delle prestazioni professionali possano rivolgersi in caso di contenzioso con i singoli professionisti, ai sensi dell’art. 27 -ter del codice del consumo, di cui al decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, nonché ottenere informazioni relative all’attività professionale in generale e agli standard qualitativi da esse richiesti agli iscritti.

PUBBLICITÀ DELLE ASSOCIAZIONI PROFESSIONALI

  • Ai sensi dell’art. 4 della legge 4/2013, gli associati Junior e Professionisti  in regola con il pagamento della quota associativa e non assoggettati a provvedimenti di sospensione, possono utilizzare il logo di riconoscimento di HSPI , secondo specifiche linee guida e – nel caso di posizionamento del logo all’interno di un sito Web – l’affiliazione con la pagina contenente il dettaglio del profilo dell’associato.
  • Il rappresentante legale dell’associazione HSPI , nella figura del Presidente quale rappresentante pro-tempore, garantisce la correttezza delle informazioni fornite nel sito web a cura dell’associazione

CONTENUTI DEGLI ELEMENTI INFORMATIVI

Ai sensi dell’art. 5 della legge 4/2013 l’associazione HSPI  assicura la piena conoscibilità dei seguenti elementi:

  • atto costitutivo e statuto;
  • precisa identificazione delle attività professionali cui l’associazione si riferisce. A tal proposito Hspi secondo quanto previsto dall’art. 1 dello Statuto vigente, raggruppa Home stagers ovvero valorizzatori del mercato immobiliare.
  • composizione degli organismi deliberativi e titolari delle cariche sociali;
  • struttura organizzativa dell’associazione, descritta in modo esteso all’interno del già citato statuto;
  • requisiti per la partecipazione all’associazione, con particolare riferimento all’obbligo degli appartenenti di procedere all’aggiornamento professionale costante, alla predisposizione di strumenti idonei ad accertare l’effettivo assolvimento di tale obbligo e all’indicazione della quota da versare per il conseguimento degli scopi statutari;
  • assenza di scopo di lucro, documentata nello statuto (art. 2).
  • il codice etico di condotta con la previsione di sanzioni graduate in relazione alle violazioni poste in essere e l’organo preposto all’adozione dei provvedimenti disciplinari dotato della necessaria autonomia
  • l’elenco degli iscritti aggiornato almeno annualmente
  • le sedi dell’associazione sul territorio nazionale formate dalla sede nazionale e dalle rappresentanze locali su base regionale, rappresentante dai referenti regionali
  • la presenza di una struttura tecnico-scientifica dedicata alla formazione permanente degli associati, in forma diretta o indiretta
  • le garanzie attivate a tutela degli utenti, tra cui la presenza, i recapiti e le modalità di accesso allo sportello di cui all’art. 2, comma 4 della legge 4/2013.

ATTO COSTITUTIVO

ATTO-COSTITUTIVO-primo-originale

ATTO-COSTITUTIVO-firmato-e-registrato

COSTITUZIONE DI ASSOCIAZIONE

I sottoscritti signori:
SIVILLI VINCENZO FRANCESCO, nato a Roma il giorno 25 aprile 1958, domiciliato ad Albano Laziale, Via Collegio Nazareno n. 22, codice fiscale SVL VCN 58D25 H501J;
VIMERCATI LAURA LUISA, nata a Milano il giorno 7 settembre 1965, domiciliata ad Arcisate, Via Guglielmo Marconi n. 7, codice fiscale VMR LLS 65P47 F205A;
PEDERZOLI RITA, nata a Bologna il giorno 28 luglio 1967, domiciliata a Bologna, Viale del Risorgimento n. 22, codice fiscale PDR RTI 67L68 A944I;
DANIELE MARINA, nata ad Avezzano il giorno 1 novembre 1970, domiciliata ad Ariccia, Via delle Muracce n. 17, codice fiscale DNL MRN 70S41 A515N;
CRIPPA ALESSANDRO, nato a Milano il giorno 12 novembre 1979, domiciliato a Lissone, Via Piave n. 35, codice fiscale CRP LSN 79S12 F205Y;
VENTURIN VALENTINA, nata a Monselice il giorno 14 settembre 1984, domiciliata a Pernumia, Via Giotto n. 4, codice fiscale VNT VNT 84P54 F382G;

convengono e stipulano quanto segue:
1) tra i signori SIVILLI VINCENZO FRANCESCO, VIMERCATI LAURA LUISA, PEDERZOLI RITA, DANIELE MARINA, CRIPPA ALESSANDRO e VENTURIN VALENTINA viene costituita una Associazione, che non ha finalità di lucro né limiti di durata, denominata:
“ASSOCIAZIONE ITALIANA HOME STAGERS PROFESSIONISTI”
con sede legale in Bergamo.
L’associazione opera nel settore della tutela, promozione e valorizzazione in materia di home staging.
L’associazione riunisce tutti coloro che svolgono attività professionale di home stager, favorendone lo sviluppo, la qualifica e l’aggiornamento.
I contenuti dell’associazione sono incentrati in ambito professionale, che possono avvenire in contesti e ambienti fisici così come virtuali, tramite il supporto delle tecnologie digitali.
Tutto ciò si può sviluppare fra soggetti, anche esterni all’Associazione, quali persone, aziende, enti, associazioni, ecc.
L’Associazione intende favorire lo scambio, il confronto e la condivisone di idee, conoscenze e informazioni nell’ambito della professione home staging, tramite i progetti e alle iniziative dell’Associazione stessa.
Verranno coinvolte così i settori attigui come l’architettura d’interni, l’interior design, la ristrutturazione,il marketing e l’intermediazione immobiliare.

Gli scopi dell’attività sono i seguenti:
– riuscire a portare l’home staging (ovvero l’arte di valorizzare un immobile per favorirne la vendita nel minor tempo possibile e al minor prezzo), al giusto riconoscimento professionale nel nostro Paese;
– collaborare i maniera positiva, costruttiva e concreta con l’associazione Luoghi di Relazione e tutte le associazioni che dimostrino interesse.
– tutela, promozione e valorizzazione nel territorio locale e nazionale, di ogni professionista del settore;
– promuovere, organizzare e gestire nei locali dell’Associazione, mostre, premi, manifestazioni e in genere attività di carattere immobiliare;
– ricercare intese con organismi statali ed europei e con enti pubblici e privati per incarichi di studio, di progettazioni e ricerche compatibili con le sue finalità;
– promuovere il bando di premi e di borse di studio e l’organizzazione di laboratori attrezzati e di convegni, corsi di studio e formazione e di aggiornamento destinati anche ai diversamente abili;
– ricercare e stringere rapporti di collaborazione con enti, istituzioni, università in ogni campo compatibile con le proprie finalit.
Inoltre l’associazione potrà:
– mantenere, valorizzare ed incrementare l’intero patrimonio mobiliare ed immobiliare e gestire al meglio i beni in affidamento;
– amministrare e gestire i beni di cui sia proprietaria, locatrice, comodataria o comunque posseduti ovvero a qualsiasi titolo detenuti;
– stipulare ogni opportuno atto o contratto, anche per il finanziamento delle operazioni deliberate, tra cui, senza l’esclusione di altri, l’assunzione di prestiti e mutui, a breve o a lungo termine, l’acquisto, in proprietà o in diritto di superficie, di immobili, la stipula di convenzioni di qualsiasi genere anche iscrivibili nei pubblici registri, con enti pubblici o privati, che siano considerate opportune e utili per il raggiungimento degli scopi della Associazione;
– stipulare convenzioni per l’affidamento a terzi di parte delle attività e concludere accordi di collaborazione con altri Enti o Fondazioni aventi scopi affini o strumentali ai propri;
– partecipare ad associazioni, enti e istituzioni, pubbliche e private, la cui attività sia rivolta, direttamente o indirettamente, al perseguimento di scopi analoghi a quelli della Associazione medesima; l’associazione potrà, ove lo ritenga opportuno, concorrere anche alla costituzione degli organismi anzidetti;
– promuovere manifestazioni, convegni, incontri, procedendo alla pubblicazione dei relativi atti o documenti, e tutte quelle iniziative idonee a favorire un organico contatto tra l’associazione, i relativi addetti ed il pubblico;
– sviluppare qualsiasi altra iniziativa, anche di carattere economico, ritenuta
utile, di supporto o necessaria al perseguimento delle finalità istituzionali della Associazione, ivi inclusa la raccolta fondi e/o contributi, nei limiti di legge;
– comunicare e diffondere con tutti i mezzi possibili le attività, gli obiettivi ed i temi dell’Associazione;
– promuovere attività editoriali;
– organizzare viaggi e visite in luoghi e/o per motivi di interesse associativo.

L’Associazione potrà svolgere tutte le attività strumentali e/o connesse a quelle statutarie istituzionali.
Essa è retta dalle norme portate dallo statuto che si allega al presente atto sotto “A”.
L’Associazione chiude l’esercizio sociale il 31 dicembre di ogni anno.

Il Patrimonio dell’Associazione è costituito da:
– beni mobili ed immobili che divenissero di proprietà dell’Associazione;
– lasciti, donazioni e liberalità destinati da Privati e Enti all’incremento del patrimonio;
– fondi appositamente costituiti per deliberazione del Consiglio direttivo;
– dagli avanzi di gestione.

Il primo Consiglio Direttivo di cinque membri, per la durata e con i poteri di statuto viene nominato nelle persone dei signori:
PEDERZOLI RITA, Presidente;
SIVILLI VINCENZO FRANCESCO, Vice Presidente;
CRIPPA ALESSANDRO, Tesoriere;
VIMERCATI LAURA LUISA e VENTURIN VALENTINA, consiglieri.

STATUTO

Verbale-assembela-straordinaria

ARTICOLO 1 – DENOMINAZIONE

È costituita la “ASSOCIAZIONE PROFESSIONISTI HOME STAGING ITALIA”.
L’Associazione professionale ha sede in Milano Piazza Santo Stefano, 10.

ARTICOLO 2 – SCOPI

L’Associazione a carattere professionale, non ha vincoli di rappresentanza esclusiva, non ha finalità di lucro né limiti di durata ed opera nel settore della tutela, promozione e valorizzazione in materia di Home Staging.
L’associazione professionale ha il compito di valorizzare le competenze degli associati e garantire il rispetto delle regole deontologiche per agevolare la scelta e la tutela degli utenti nel rispetto delle regole sulla concorrenza.
L’Associazione professionale garantisce trasparenza delle attività e degli assetti associativi, tutela e stimola la dialettica democratica tra gli associati, l’osservanza dei principi deontologici e una struttura organizzativa adeguata alle finalità dell’associazione.
L’Associazione professionale promuove anche attraverso specifiche iniziative, la formazione permanente dei propri iscritti con l’adozione di un regolamento interno che ne disciplina le caratteristiche e ne delinea i principali obblighi a cui i propri associati devono aderire per mantenere elevato il livello di preparazione a tutela dei propri utenti finali.
L’Associazione professionale inoltre adotta un codice di condotta (art.27 bis del codice del consumo di cui al Decreto Legislativo 6/9/2005 n.206).
Vigila sulla condotta professionale dei loro associati e stabilisce le sanzioni derivanti dalla violazione del codice di condotta.
Riunisce tutti coloro che svolgono attività professionale di Home Stager, favorendone lo sviluppo, la qualifica e l’aggiornamento.
I contenuti dell’Associazione sono incentrati in ambito professionale, che possono avvenire in contesti e ambienti fisici così come virtuali, tramite il supporto delle tecnologie digitali.
Tutto ciò si può sviluppare fra soggetti, anche esterni all’Associazione, quali persone, aziende, enti, associazioni e simili.
L’Associazione intende favorire lo scambio, il confronto e la condivisone di idee, conoscenze e informazioni nell’ambito della professione Home staging, tramite i progetti e alle iniziative dell’Associazione stessa.

ARTICOLO 3 – ATTIVITÀ

L’attività dell’Home staging è definibile quale tecnica di valorizzazione immobiliare in grado di esaltare attraverso lo studio degli spazi e degli arredi, l’analisi degli interventi e delle criticità, la creazione di un piano di comunicazione / promozione centrato sulle caratteristiche primarie di un immobile al fine di agevolarne la vendita o la locazione. L’Home Staging è quindi in grado di coinvolgere settori attigui come l’architettura d’interni, l’interior design, la ristrutturazione, il marketing, le agenzie immobiliari, tuttavia senza mai sovrapporsi ad esse ne direttamente o indirettamente, così come per tutte le attività riservate e organizzate in Ordini Professionali e Collegi, senza mai costituire agenzia d’affari in mediazione con o senza mandato né a titolo oneroso né per merci prodotti e servizi, senza mai intervenire in alcuna trattativa diretta, in violazione della Legge 39 del 3/2/1989 e ss.. Di fatto l’attività si inserisce in una nuova nicchia di mercato autonoma e distinta dalle suddette professioni, senza ingerenze e/o sovrapposizioni tra i vari ambiti professionali.
Gli scopi dell’attività sono i seguenti:
– riuscire a portare l’Home staging al giusto riconoscimento professionale nel nostro Paese;
– collaborare in maniera positiva, costruttiva e concreta con tutte le realtà che dimostrino interesse nei confronti della professione nell’ottica dell’etica comune.
– favorire occasioni di dialogo tra gli attori coinvolti nello sviluppo e nella concretizzazione nella tutela, promozione e valorizzazione nel territorio locale e nazionale, di ogni professionista del settore;
– promuovere iniziative mirate all’attestazione delle competenze dei propri associati, sia a livello nazionale che a livello internazionale,
– promuovere, organizzare e gestire, mostre, premi, manifestazioni in genere;
– ricercare intese con organismi statali ed europei e con enti pubblici e privati per incarichi di studio, di progettazioni e ricerche compatibili con le sue finalità;
– promuovere il bando di premi e di borse di studio e l’organizzazione di laboratori attrezzati e di convegni, corsi di studio e formazione e di aggiornamento, borse di studio destinati anche ai diversamente abili;
– ricercare e stringere rapporti di collaborazione con enti, istituzioni, università in ogni campo compatibile con le proprie finalità.
Inoltre l’associazione potrà:
– amministrare e gestire i beni di cui sia proprietaria, locatrice, comodataria o comunque posseduti ovvero a qualsiasi titolo detenuti;
– stipulare ogni opportuno atto o contratto, anche per il finanziamento delle operazioni deliberate, tra cui, senza l’esclusione di altri, l’assunzione di prestiti e mutui, a breve o a lungo termine, l’acquisto, in proprietà o in diritto di superficie, di immobili, la stipula di convenzioni di qualsiasi genere anche iscrivibili nei pubblici registri, con enti pubblici o privati, che siano considerate opportune e utili per il raggiungimento degli scopi della Associazione;
– stipulare convenzioni per l’affidamento a terzi di parte delle attività e concludere accordi di collaborazione con altri Enti o Fondazioni sia pubblici che privati aventi scopi affini o strumentali ai propri;
– partecipare ad associazioni, enti e istituzioni, pubbliche e private, la cui attività sia rivolta, direttamente o indirettamente, al perseguimento di scopi analoghi a quelli della Associazione medesima; l’associazione potrà, ove lo ritenga opportuno, concorrere anche alla costituzione degli organismi anzidetti;
– promuovere manifestazioni, convegni, incontri, procedendo alla pubblicazione dei relativi atti o documenti, e tutte quelle iniziative idonee a favorire un organico contatto tra l’associazione, i relativi addetti ed il pubblico;
– sviluppare qualsiasi altra iniziativa, anche di carattere economico, ritenuta utile, di supporto o necessaria al perseguimento delle finalità istituzionali della Associazione, ivi inclusa la raccolta fondi e/o contributi nei limiti di legge, ad esclusione delle attività riservate per legge a soggetti iscritti in albi o elenchi ai sensi dell’art. 2229 del codice civile, delle professioni sanitarie e delle attività e dei mestieri artigianali, commerciali e di pubblico esercizio disciplinati da specifiche normative. (L’Associazione si impegna a non compiere alcuna attività seppur istituzionale, in conflitto con le attività riservate per Legge).
– comunicare e diffondere con tutti i mezzi possibili le attività, gli obiettivi ed i temi dell’Associazione anche per mezzo del proprio sito web istituzionale avendo cura di mantenere aggiornati tutti gli elementi informativi che presentano utilità per il consumatore, secondo i criteri di trasparenza, correttezza, veridicità nonché autorizzando i propri associati ad utilizzare il riferimento all’iscrizione all’associazione quale marchio o attestato di qualità e di qualificazione professionale dei propri servizi, anche ai sensi degli articoli 7 e 8 della Legge 4.1.2013, osservando anche le prescrizioni di cui all’art. 81 del decreto legislativo 26 marzo 2010, n. 59.
– promuovere attività editoriali e letterarie mediante l’acquisizione la revisione, la divulgazione, la produzione, l’edizione, la stampa, la ristampa, la pubblicazione, la distribuzione e commercializzazione in proprio e per conto terzi, anche per corrispondenza e tramite reti telematiche di libri periodici cataloghi inserti supplementi e di opere a stampa e non di qualunque genere e tipo ad esclusione e non funzionalmente connessi a quotidiani giornali e simili come disposto con L. 416/1981, con lo scopo di diffondere la cultura dell’Home Staging (L’Associazione professionale si impegna a non compiere attività editoriali riservate).
– organizzare viaggi e visite in luoghi e/o per motivi di interesse associativo.
– redigere e mantenere aggiornato il codice di condotta dell’Associazione nonché attivarsi a tutela dei privati consumatori predisponendo un adeguato sistema sanzionatorio per i propri associati, nonché alla implementazione e gestione di un sportello a tutela del cittadino nel rispetto delle disposizioni di cui agli art. 2 e 4 della Legge 4/2013.
L’Associazione potrà svolgere tutte le attività strumentali e/o connesse a quelle statutarie istituzionali.

ARTICOLO 4 – ASSOCIATI.

Possono far parte dell’associazione, i professionisti operanti nel settore dell’Home Staging, ovvero coloro che con la propria capacità ed esperienza professionale esercitano autonomamente senza vincolo alcuno, l’attività economica volta alla prestazione di servizi a favore di terzi, con esclusione delle attività riservate per legge a soggetti iscritti ad albi Ordini Professionali e Collegi.
Possono far parte dell’associazione eventualmente, gli Enti, le associazioni professionali, le persone giuridiche, purché la presenza di professionisti ne costituisca la maggioranza rappresentandone il soggetto principale dell’associazione.
Possono farne richiesta scritta pertanto chi:
1) abbia intrapreso la carriera di Home Stager avendo un’adeguata e qualificata formazione.
2) abbia intrapreso la carriera di Home Stager avendo frequentato corsi e abbiano presentato dei lavori eseguiti;
3) versino contestualmente la quota associativa stabilita dal Consiglio Direttivo, il quale ne delibera l’ammissione e provvede per l’iscrizione degli aderenti nell’apposito libro degli Associati.
I soci, che accettano gli scopi fissati dallo Statuto e che ne facciano richiesta, si distinguono in:
Soci Professionisti HSP, liberi professionisti con elevata esperienza nel settore, socio effettivo con diritto di voto,
Soci Junior HSP, persone fisiche che non hanno ancora maturato esperienza completa della materia, socio non effettivo non votante.
Il Consiglio Direttivo può accogliere l’adesione di persone giuridiche, nella persona di un solo rappresentante designato con apposita deliberazione dell’istituzione interessata e nei limiti in precedenza indicati.

ARTICOLO 5 – ADESIONE.

L’adesione all’Associazione è a tempo indeterminato e impegna l’Associato all’accettazione e all’osservanza delle norme statutarie. L’Associato è tenuto a versare ogni anno la quota di adesione nella misura fissata dal Consiglio Direttivo. La quota annuale non è restituibile in caso di recesso o di perdita della qualità di Associato.
Gli Associati hanno tutti parità di diritti e doveri.
Ciascun Associato maggiore d’età ha diritto di voto nell’Assemblea dei Soci, senza regime preferenziale per categorie di soci, per l’approvazione e la modificazione dello Statuto e dei regolamenti (ove presenti), nonché per la nomina degli Organi dell’Associazione.

ARTICOLO 6 – PERDITA DELLA QUALITÀ DI SOCIO

Gli Associati cessano di appartenere all’Associazione:
– per dimissioni volontarie da comunicarsi per iscritto al Consiglio Direttivo;
– per decesso;
– per accertati motivi di incompatibilità e per aver contravvenuto alle norme ed obblighi del presente statuto.
L’esclusione di qualsiasi Associato può avvenire per morosità nel pagamento di due annualità della quota associativa.
L’esclusione dovrà essere deliberata dal Consiglio Direttivo con una maggioranza dei tre quarti dei presenti. Il provvedimento dovrà essere comunicato per iscritto al socio e dovrà essere motivato.
Il provvedimento di esclusione, o dimissioni volontarie, non libera il socio dall’obbligo del pagamento delle eventuali somme dovute all’associazione.
I soci esclusi potranno opporsi, entro 30 giorni, per iscritto contro il provvedimento, inviando apposito ricorso al Collegio dei Garanti, ove costituito, o in mancanza al Consiglio Direttivo stesso; il ricorso non sospende l’esecutività dell’iniziale esclusione.

ARTICOLO 7 – DIRITTI E OBBLIGHI DEGLI ASSOCIATI.

Gli Associati hanno il diritto:
– di partecipare alle Assemblee, se in regola con il pagamento della quota associativa corrente, e di votare;
– di conoscere i programmi con i quali l’Associazione intende attuare gli scopi sociali;
– di partecipare alle attività promosse dall’Associazione;
– di usufruire di tutti i servizi dell’Associazione.
Gli Associati sono obbligati:
– a osservare le norme del presente statuto e le deliberazioni adottate dagli organi sociali;
– a pagare la quota associativa;
– a svolgere le attività preventivamente concordate;
– a mantenere un comportamento conforme alle finalità dell’Associazione.
– ad utilizzare il marchio dell’associazione professionale secondo le disposizioni del Consiglio Direttivo ed in applicazione dell’art.4 Legge 4 del 2013.
– a indicare in ogni documento e rapporto scritto con il cliente, l’espresso riferimento, agli estremi della legge 14 gennaio 2013, n. 4. L’inadempimento rientra tra le pratiche commerciali scorrette tra professionisti e consumatori, di cui al titolo III della parte II del codice del consumo, di cui al decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, ed è sanzionato ai sensi del medesimo codice.
– alla partecipazione attiva per le specifiche iniziative formative promosse dall’Associazione professionale in rispetto del codice di condotta ai sensi dell’art.27-bis del codice del consumo di cui di cui al decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206.
Le prestazioni fornite dagli associati sono a titolo gratuito e non possono essere retribuite neppure dal beneficiario. Agli associati possono essere rimborsate soltanto le spese effettivamente sostenute secondo opportuni parametri validi per tutti gli associati preventivamente stabiliti dal Consiglio Direttivo ed approvati dall’Assemblea.
Le attività degli associati sono incompatibili con qualsiasi forma di lavoro subordinato e autonomo e con ogni altro rapporto di contenuto patrimoniale con l’organizzazione.
Le quote sociali ed i contributi associativi sono intrasmissibili ad eccezione dei trasferimenti a causa di morte e non sono rivalutabili.

ARTICOLO 8 – ORGANI SOCIALI.

Gli organi dell’Associazione sono:
– l’Assemblea degli Associati;
– il Consiglio Direttivo;
– il Presidente e il Vicepresidente;
– il Tesoriere/il Segretario;
– il Comitato Scientifico, se costituito;
– il Collegio dei Revisori dei conti se costituito;
– il Collegio dei Garanti, se nominati.
I componenti degli organi sociali durano in carica tre anni e sono rieleggibili.
Le cariche sono gratuite e non comportano retribuzione né costituiscono in nessun caso rapporto d’impiego con l’Associazione.

ARTICOLO 9 – COMPOSIZIONE DELL’ASSEMBLEA.

L’Assemblea è costituita da tutti i soci dell’Associazione ed è ordinaria e straordinaria.
L’Assemblea ordinaria viene convocata per l’approvazione:
– del programma per l’anno successivo;
– della relazione di attività e del rendiconto consuntivo dell’anno precedente.
L’Assemblea straordinaria viene convocata per la deliberazione delle modifiche dell’Atto Costitutivo e dello Statuto, nonché per lo scioglimento e la messa in liquidazione dell’Associazione, nominando in tal caso uno o più liquidatori.
L’Assemblea è presieduta di regola dal Presidente del Consiglio Direttivo.

ARTICOLO 10 – CONVOCAZIONE.

La convocazione è fatta in via ordinaria almeno una volta all’anno entro 120 giorni dalla chiusura dell’esercizio annuale per l’approvazione del bilancio consuntivo ed in via straordinaria ogni qualvolta si renda necessaria per esigenze dell’Associazione.
L’Assemblea si riunisce su convocazione del Presidente del Consiglio Direttivo mediante lettera inviata ai singoli soci almeno 7 (sette) giorni prima dalla data di prima convocazione. La seconda convocazione può essere fissata anche nello stesso giorno della prima.
L’avviso di convocazione è inviato agli associati a mezzo posta ordinaria, elettronica, fax o telegramma per iscritto o per mezzo telematico agli Associati e deve contenere l’indicazione del luogo, del giorno, dell’ora e l’ordine del giorno.
La convocazione può avvenire anche su richiesta di almeno un terzo dei componenti del Consiglio Direttivo, di un terzo degli Associati oppure di un Revisore dei Conti: in tal caso l’avviso di convocazione deve essere comunicato entro quindici giorni dal ricevimento della richiesta e l’Assemblea deve essere tenuta entro 30 giorni dalla convocazione.
L’Assemblea può riunirsi anche in un luogo diverso dalla sede sociale, purché in Italia.

ARTICOLO 11 – OGGETTO DELLE DELIBERE ASSEMBLEARI.

I compiti dell’Assemblea sono:
– eleggere i componenti del Consiglio Direttivo;
– eleggere i componenti del Collegio dei Revisori dei Conti;
– approvare la relazione, gli indirizzi ed il programma delle attività proposte dal Consiglio Direttivo;
– approvare il bilancio preventivo e consuntivo;
– deliberare in merito alle richieste di modifica dello Statuto;
– nominare uno o più liquidatori e deliberare in merito alla devoluzione dei beni (in caso di scioglimento, cessazione, estinzione dell’Associazione).
Di ogni Assemblea deve essere redatto il verbale da scrivere nel libro dei verbali delle riunioni dell’Assemblea sottoscritto dal Presidente e dal Segretario, dagli eventuali scrutinatori, questi ultimi nominati dall’Assemblea.

ARTICOLO 12 – VALIDITÀ DELL’ASSEMBLEA E VOTAZIONI.

In prima convocazione l’Assemblea ordinaria è regolarmente costituita con la presenza della metà più uno dei Soci aderenti. In seconda convocazione è regolarmente costituita qualunque sia il numero degli Associati.
Le deliberazioni dell’Assemblea ordinaria sono adottate a maggioranza semplice dei presenti.
Per l’Assemblea straordinaria sono richieste le maggioranze di cui all’art. 23 del presente Statuto.
Hanno diritto di voto e di intervenire all’Assemblea tutti gli Associati iscritti nel libro degli Associati e che siano in regola con il pagamento della quota annua di Associazione.
E’ consentita la partecipazione all’assemblea e l’esercizio del diritto di voto per delega. Ogni associato può portare una sola delega.

ARTICOLO 13 – CONSIGLIO DIRETTIVO.

Il Consiglio Direttivo, è composto da un minimo di due ad un massimo di sei membri; resta in carica tre anni e i suoi componenti sono rieleggibili.
I Consiglieri decadono qualora, senza giustificato motivo, non partecipino a tre sedute consecutive. Alla nomina del nuovo consigliere provvederà l’Assemblea dei soci su proposta del Consiglio Direttivo.
Il Consiglio Direttivo si riunisce, su convocazione del Presidente, almeno due volte all’anno e quando ne faccia richiesta almeno un terzo dei suoi componenti.
La convocazione è fatta a mezzo posta ordinaria, elettronica, fax o telegramma in tempo utile affinché i componenti del Consiglio stesso e dei Revisori dei conti ne siano informati almeno tre giorni prima della riunione.
Per la validità delle deliberazioni è richiesta la presenza della metà più uno dei suoi componenti e le deliberazioni sono adottate a maggioranza assoluta di voti dei presenti.
Il voto del Presidente in caso di parità vale doppio.
Alle riunioni possono essere invitati a partecipare, con voto consultivo, i rappresentanti di commissioni di lavoro nominate dal Consiglio stesso.
Di ogni riunione deve essere redatto, su apposito libro, il verbale sottoscritto dal Presidente e dal Segretario.
Nella sua prima riunione, il Consiglio direttivo elegge, tra i propri membri, il Presidente ed il Vice Presidente. Inoltre elegge il Tesoriere ed il Segretario, o un Segretario/Tesoriere, che possono essere scelti anche al di fuori dei
propri membri; nel qual caso è senza diritti di voto.
Il Consiglio Direttivo può compiere tutti gli atti di ordinaria e straordinaria amministrazione. In particolare al Consiglio Direttivo compete:
– dare esecuzione alle deliberazioni dell’Assemblea;
– stabilire le direttive per l’attuazione dei compiti statutari;
– predisporre la relazione annuale da sottoporre all’Assemblea;
– redigere il bilancio consuntivo;
– deliberare sull’ammissione e l’esclusione degli Associati;
– determinare l’entità delle quote sociali annuali;
– deliberare la convocazione ordinaria e straordinaria dell’Assemblea;
– ratificare i provvedimenti di competenza del Consiglio direttivo adottati dal Presidente per necessità e urgenza;
– deliberare su tutti gli atti relativi all’amministrazione del patrimonio, compresi quelli inerenti l’accettazione od il rifiuto di lasciti, legati e donazioni destinati al patrimonio o al funzionamento dell’Associazione;
– deliberare tutte le iniziative volte al raggiungimento degli scopi sociali, gli impegni amministrativi conseguenti e, più in generale, i provvedimenti in materia di straordinaria amministrazione.
La carica di Consigliere è a titolo gratuito. Possono essere rimborsate solo le spese documentate e effettivamente sostenute nell’interesse dell’Associazione.

ARTICOLO 14 – PRESIDENTE.

Il Presidente viene nominato dal Consiglio Direttivo e scelto tra i suoi membri nella prima seduta d’insediamento.
Il Presidente dura in carica quanto il Consiglio che lo ha nominato e può essere rieletto.
Il Presidente può essere revocato dal Consiglio Direttivo, a maggioranza per gravi irregolarità commesse nell’amministrazione della Associazione, nonché per gravi violazioni delle norme del presente Statuto.
La deliberazione concernente la revoca del Presidente deve essere preceduta dalla notifica al medesimo, almeno quindici giorni prima, di una mozione scritta di sfiducia sottoscritta da almeno tre consiglieri.
La rappresentanza attiva e passiva della Associazione avanti ai terzi ed in giudizio e la firma libera per gli atti di ordinaria amministrazione spettano al Presidente.
In caso di giustificata urgenza, nella impossibilità di convocare tempestivamente il Presidente può deliberare sugli atti di competenza del consiglio dal quale gli atti stessi verranno ratificati o sanati in apposita seduta da tenersi entro quindici giorni e previa comunicazione scritta delle deliberazioni adottate da inviare al Consiglio Direttivo e entro i tre giorni liberi.
Spetta inoltre al Presidente:
– determinare l’ordine del giorno delle sedute del Consiglio Direttivo;
– convocare e presiedere il Consiglio Direttivo;
– curare l’esecuzione delle deliberazioni del Consiglio Direttivo;
– svolgere funzione propulsiva delle attività del Consiglio Direttivo;
regolandone i lavori;
– sviluppare ogni utile iniziativa di collegamento con le amministrazioni pubbliche, con gli operatori privati, con le espressioni organizzate dell’utenza e con ogni altra organizzazione interessata al campo dell’attività della Associazione;
– esercitare la sorveglianza sull’andamento morale ed economico della Associazione.

ARTICOLO 15 – SEGRETARIO E TESORIERE.

Il Segretario è il depositario di tutti gli atti formali dell’Associazione: cura la corrispondenza, tiene l’inventario dei beni dell’Associazione, compila e conserva i libri sociali e redige i verbali delle riunioni del Consiglio direttivo.
Il Tesoriere ha la responsabilità della cassa sociale: provvede alla riscossione delle quote associative e di ogni altro provento dell’Associazione e dispone il pagamento di qualsiasi spesa autorizzata dal Presidente.
Con firma disgiunta da quella del Presidente, può compiere tutte le operazioni inerenti la movimentazione dei conti correnti bancari e postali.
Per tutte le operazioni inerenti la gestione dei conti di deposito di titoli è richiesta la firma congiunta a quella del Presidente.

ARTICOLO 16 – VICE PRESIDENTE.

Il Vice Presidente viene eletto dal Consiglio Direttivo nella prima seduta d’insediamento.
Il Vice Presidente, munito di delega rilasciata dal Presidente, sostituisce il Presidente in tutte le sue funzioni, inclusa la rappresentanza legale della Associazione, in caso di assenza o impedimento del presidente stesso.

ARTICOLO 17 – COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI.

Il controllo della gestione, i riscontri di cassa, la verifica dei bilanci consuntivi e l’esame dei documenti e delle carte contabili sono attribuite, qualora nominato, ad un Collegio dei Revisori dei Conti, tutti scelti tra gli iscritti nel Registro dei Revisori Contabili istituito presso il Ministero della Giustizia. Il collegio è composto da tre membri effettivi e due supplenti con idonea capacità professionale, nominati dall’assemblea che ne indica il presidente.
I revisori durano in carica tre anni e possono essere confermati. Possono essere revocati per giusta causa dall’assemblea.
Il compenso per i revisori è fissato dall’assemblea.
I revisori possono partecipare alle riunioni del Consiglio Direttivo.
Al bilancio predisposto dal Consiglio di Amministrazione sono allegate le relazioni redatte dal Collegio.

ARTICOLO 18 – COMITATO SCIENTIFICO

Il Comitato Scientifico qualora nominato è composto da un minimo di tre ad un massimo di cinque membri, nominati dal Consiglio Direttivo tutti scelti fra personalità di provata competenza negli ambiti di intervento della Associazione. Il Consiglio Direttivo designa, a maggioranza dei suoi membri, i componenti del Comitato Scientifico scegliendoli da una rosa di nominativi indicati dai soci.
I membri del Comitato durano in carica tre anni, e sono rieleggibili. Il Comitato è presieduto da un presidente scelto tra i suoi componenti, che lo rappresenta partecipando senza diritto di voto alle riunioni del Consiglio Direttivo.
Il Comitato Scientifico elabora programmi di lavoro per il raggiungimento degli obiettivi approvati dal Consiglio Direttivo ne segue lo svolgimento e verifica i risultati conseguiti. Il funzionamento del Comitato Scientifico segue le regole
previste per il Consiglio Direttivo.
Il comitato Scientifico è un organo propositivo dal punto di vista tecnico scientifico e consultivo del Consiglio Direttivo. I pareri del Comitato Scientifico non sono vincolanti. Per il raggiungimento degli scopi statutari il Consiglio direttivo potrà nominare, per singoli interventi o per aree di ricerca ed intervento, comitati specifici, chiamandone a far parte soggetti idonei allo scopo o rappresentanti di enti ed istituzioni anche tra non aderenti all’Associazione.
Il Consiglio con la nomina ne determinerà la composizione e le attribuzioni.

ARTICOLO 19 – COLLEGIO DEI GARANTI.

L’Assemblea degli associati può eleggere, se lo riterrà opportuno, un Collegio dei Garanti, formato da tre componenti, scelti anche tra non aderenti.
Il collegio dura in carica tre anni.
Il Collegio decide sulle controversie tra gli Associati, tra questi e l’Associazione e i suoi organi. Le decisioni, adottate ex bono ed aequo e senza formalità di procedura, sono inappellabili.

ARTICOLO 20 – PATRIMONIO.

Il Patrimonio dell’Associazione è costituito da:
– beni mobili ed immobili che divenissero di proprietà dell’Associazione;
– lasciti, donazioni e liberalità destinati da Privati e Enti all’incremento del patrimonio;
– fondi appositamente costituiti per deliberazione del Consiglio direttivo;
– dagli avanzi di gestione.

ARTICOLO 21 – ENTRATE.

I mezzi per lo svolgimento delle attività associative sono costituiti dalle seguenti entrate:
– rendite del patrimonio di cui all’articolo 20);
– quote associative;
– elargizioni di privati, donazioni varie e lasciti non vincolati;
– contributi erogati dallo Stato, dalla Regione e da altri Enti pubblici e privati;
– proventi delle attività associative;
– rimborsi derivanti da convenzioni;
– contributi di organismi internazionali;
– fondi pervenuti a seguito di raccolte pubbliche occasionali;
– proventi derivanti da attività connesse;
– proventi derivati da sponsorizzazioni;
– proventi di marginali attività produttive e commerciali eventualmente
esercitate.

ARTICOLO 22 – BILANCIO.

L’Associazione chiude l’esercizio sociale il 31 dicembre di ogni anno.
Ogni anno, entro la fine del mese di marzo, deve essere redatto, a cura del Consiglio Direttivo, il bilancio consuntivo da sottoporre entro 120 giorni dalla data di chiusura dell’esercizio sociale di ogni anno, all’approvazione dell’Assemblea insieme alla propria relazione sull’attività dell’Associazione.
Il Bilancio, assieme alla relazione degli amministratori, viene depositato in copia presso la sede legale nei giorni precedenti l’Assemblea e sino all’approvazione, affinché i Soci possano prenderne visione e chiederne copia a spese del richiedente.
Dal bilancio consuntivo devono risultare i beni, i contributi e lasciti ricevuti e le spese per capitoli e voci analitiche.

ARTICOLO 23 – AVANZI DI GESTIONE.

Gli utili o gli avanzi di gestione devono essere impiegati per la realizzazione delle attività istituzionali e di quelle ad esse direttamente connesse. È vietata la distribuzione in qualsiasi forma, anche indiretta, di utili e avanzi di gestione nonché di fondi, riserve o capitale durante la vita dell’Associazione, salvo che nei casi imposti o consentiti dalla legge.

ARTICOLO 24 – MODIFICHE E SCIOGLIMENTO.

Le proposte di modifica allo Statuto possono essere presentate all’Assemblea da uno degli organi o da almeno un decimo degli Associati. Le relative deliberazioni sono approvate dall’Assemblea con la presenza di almeno tre quarti degli Associati e il voto favorevole della maggioranza dei presenti.
Per lo scioglimento dell’Associazione è necessaria la convocazione di un’apposita Assemblea, con avviso personale a tutti gli Associati.
La proposta di scioglimento può essere fatta dal Consiglio direttivo, legittimamente in carica e non scaduto, o da un terzo degli Associati. Per deliberare lo scioglimento e la conseguente devoluzione del patrimonio occorre, a sensi di legge, il voto favorevole di almeno tre quarti degli Associati.
L’Assemblea provvede anche alla nomina di uno o più liquidatori, conferendo loro i poteri necessari.
Il patrimonio che residua dopo la liquidazione sarà devoluto ad altre Organizzazioni con attività similari o a fini di pubblica utilità, salvo diversa destinazione imposta dalla legge.

ARTICOLO 25 – NORMA DI RINVIO.

Per quanto non espressamente previsto dal presente statuto, si fa riferimento alle norme in materia di Enti contenute nel libro I del Codice Civile e, in subordine, alle norme contenute nel libro V dello stesso Codice ed alle norme previste dalle specifiche leggi speciali disciplinanti la materia nonché alle disposizioni della LEGGE 14 gennaio 2013, n. 4 che disciplina in materia di professioni non organizzate e seguenti.

CODICE ETICO

Tutti gli associati all’atto della richiesta di entrare nell’associazione devono sottoscrivere il nostro codice etico.
Il Codice Etico è un insieme di principi che forniscono le linee guida della nostra condotta professionale con i clienti, i colleghi e la comunità.

  • Servirò i miei clienti con integritàcompetenza e obiettività e li tratterò con rispetto e cortesia. Nel rispetto della professione e della sua corretta divulgazione.
  • Fornirò i miei servizi nelle aree in cui sono qualificato. Quando incapace o in mancanza di qualifica per adempiere ad un richiesta di servizio, mi sforzerò di raccomandare altri servizi o altri organizzatori qualificati e/o altre professionalità qualificate.
  • Pubblicizzerò i miei servizi in maniera onesta attraverso una comunicazione corretta e mai ingannevole e rappresenterò la professione dell’home stager con precisione e accuratezza, facendo sempre riferimento all’Associazione, laddove pertinente: ad es. interviste radio, televisioni, giornali,…
  • Mi sforzerò di raggiungere l’eccellenza in tutti gli aspetti delle professione.
  • Manterrò riservate tutte le informazioni fornite dal cliente, sia personali che professionali.
  • Manterrò riservate le informazioni professionali che mi perverranno in forma privata nell’interesse della Associazione e nei colleghi.
  • Userò propriamente le informazioni del cliente solo con il suo permesso.
  • Deciderò indipendentemente e comunicherò in anticipo al cliente le mie tariffe e le mie spese, e richiederò pagamenti che ritengo ragionevoli, legittimi e commisurati alla mia esperienza, ai servizi che fornisco e alle responsabilità che accetto.
  • Consiglierò prodotti e servizi in rispetto alle esigenze del cliente.
  • Manterrò un giusto, onorevole e cooperativo impegno con gli altri membri dell’Associazione, con i fornitori, con i dipendenti, e li tratterò con rispetto e cortesia.
  • Rispetterò la proprietà intellettuale (materiali, titoli e prodotti) dei miei colleghi e non userò informazioni e metodologie di proprietà altrui senza consenso.
  • Manterrò un alto standard di condotta personale per portare maggior credito alla professione.
  • Proteggerò il cliente da frodi e comportamenti scorretti segnalando all’Associazione eventuali pratiche che possano portare discredito alla professione.
  • Mi impegno ad acquisire le conoscenze necessarie, le competenze e la formazione aggiornata per essere competente e pertinente e per affrontare i bisogni del cliente.

In particolare con le mie competenze di home stager membro APHSI posso aiutare le persone a:

  • Valorizzare gli immobili di privati, agenzie, enti, fondi di investimento e altro. 
  • ottimizzare gli spazi e migliorarne così la fruibilitàfunzionalità e vivibilità;
  • Allestire e presentare al meglio gli immobili a me affidati  attraverso suggerimenti e consigli di carattere organizzativo, interventi pratici e di affiancamento e l’insegnamento di abilità di valorizzazione.

Come Associato professionista home stager associato APHSI non posso:

  • Fare parte di associazioni in organi direttivi in contrapposizione di valori etici e morali rispetto a quelli della associazione.

L’organismo incaricato al controllo dell’applicazione del codice di condotta, per Associazione professionisti Home Staging Italia ‘codice etico’ è così composto:

  • Presidente Dott.ssa Rita Pederzoli Ricci
  • Vicepresidente Laura Vimercati
  • Tesoriere Laura Vimercati
  • Segreteria Dott.ssa Valentina Venturin

SPORTELLO PER L’UTENZA

È istituito lo sportello di riferimento per il cittadino-consumatore, in forma telematica, presso il quale i committenti delle prestazioni professionali possano rivolgersi in caso di contenzioso con i singoli professionisti, ai sensi dell’articolo 27-ter del codice del consumo.

L’Associazione Professionisti Home Staging Italia  intende garantire la qualità della professionalità dei propri associati.

Per garantire e tutelare l’utente è istituito in forma telematica lo sportello di riferimento per il cittadino-consumatore, presso il quale i committenti delle prestazioni professionali possono rivolgersi in caso di contenzioso con i singoli professionisti (ai sensi dell’articolo 27-ter del codice del consumo, di cui al decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206) nonché ottenere informazioni relative all’attività professionale in generale e agli standard qualitativi richiesti agli iscritti.

Per eventuali richieste, è possibile contattare l’associazione tramite e-mail all’indirizzo

info@associazionehomestaging.com

INFORMATIVA SULLA PRIVACY E COOKIE POLICY

INFORMATIVA PRIVACY AI SENSI DELL’ART. 13 D.LGS. 196/2003

Associazione Professionisti Home Staging Italia assicura il rispetto di ogni normativa in materia di privacy, in particolare del D.lgs. 196/2003 (“Codice in materia di protezione dei dati personali”). Ti inviamo a leggere e comprendere le seguenti informazioni, fornite ai sensi dell’art. 13 del D.lgs. 196/2003.

I dati oggetto della presente informativa sono tutti i dati forniti espressamente da coloro che interagiscono con i servizi web di questo sito accessibile per via telematica all’indirizzo www.associazionehomestaging.com (d’ora in poi il “Sito”).
L’informativa è resa solo per il sito www.associazionehomestaging.com e non anche per altri siti web eventualmente consultati dall’utente tramite link.

TITOLARE DEL TRATTAMENTO

Il Titolare del trattamento è Associazione Professionisti Home Staging ItaliaPiazza Santo Stefano, 10 – 20122 MILANO.
Il Responsabile del trattamento è il Presidente dell’Associazione.

LUOGO DI TRATTAMENTO DEI DATI

I trattamenti connessi ai servizi web di questo Sito hanno luogo presso la predetta sede di Associazione Professionisti Home Staging Italia e sono curati solo da personale tecnico ì incaricato del trattamento, oppure da eventuali incaricati di occasionali operazioni di manutenzione.
Nessun dato derivante dal servizio web viene comunicato o diffuso.

MODALITÀ DEL TRATTAMENTO

Ti informiamo che i dati che fornirai a Associazione Professionisti Home Staging Italia sul sito www.associazionehomestaging.com al momento della registrazione e successivamente per avvalerti dei servizi di volta in volta forniti da Associazione Professionisti Home Staging Italia saranno trattati nel rispetto delle disposizioni di cui al D.lgs. 196/2003.

Ti informiamo del fatto che, oltre ai dati che conferirai a Associazione Professionisti Home Staging Italia espressamente, potranno essere registrati altri dati derivanti dalla tua navigazione sul Sito. Per qualsiasi accesso al Sito registriamo il tipo di browser (es. Internet Explorer, Mozilla), il sistema operativo (es. Windows, Macintosh) e l’host e l’URL di provenienza del visitatore, oltre ai dati sulla pagina richiesta. Questi dati possono essere utilizzati in forma aggregata ed anonima per analisi statistiche sull’utilizzo del Sito.

I vostri dati personali saranno prevalentemente trattati con strumenti elettronici o comunque automatizzati. Le finalità del trattamento dei tuoi dati sono le seguenti:

  1. raccolta e conservazione ed elaborazione ai fini dell’instaurazione e gestione operativa ed amministrativa del rapporto connesso all’erogazione del servizio offerto sul Sito;
  2. utilizzo dei tuoi dati (in particolare il tuo indirizzo e-mail) da parte di Associazione Professionisti Home Staging Italia per effettuare comunicazioni relative allo svolgimento del rapporto instaurato;
  3. elaborazione dei dati personali da te forniti e di quelli desunti dalla navigazioni sul nostro Sito allo scopo di erogare un servizio coerente con le indicazioni che ci trasmetterai durante l’utilizzo del servizio stesso;
  4. raccolta, conservazione ed elaborazione dei tuoi dati per compiere analisi statistiche in forma anonima e/o aggregata.

COMUNICAZIONE DEI TUOI DATI

I tuoi dati personali e/o i risultati delle analisi statistiche di cui sopra potranno essere comunicati a:

  1. persone, società o studi professionali che prestino attività di assistenza e consulenza a Associazione Professionisti Home Staging Italia in materia contabile, amministrativa, legale, tributaria e finanziaria;
  2. soggetti cui la facoltà di accedere ai dati sia riconosciuta da disposizioni di legge o da ordini delle autorità;
  3. soggetti delegati e/o incaricati a Associazione Professionisti Home Staging Italia all’espletamento delle attività correlate alla erogazione dei servizi presenti in questo Sito.

I vostri dati non saranno per nessun motivo diffusi.

Ricorda che non sei obbligato a conferire a Associazione Professionisti Home Staging Italia i dati che ti richiederà. Il conferimento dei tuoi dati a Associazione Professionisti Home Staging Italia è facoltativo. Tuttavia, in caso di rifiuto del consenso per le finalità di cui sopra, e del tuo preventivo consenso alla comunicazione dei vostri dati ai soggetti di cui ai punti 1, 2, e 3 ci troveremo nell’impossibilità di erogare i servizi da te richiesti.

DIRITTI DELL’INTERESSATO

I soggetti cui si riferiscono i dati personali hanno il diritto in qualunque momento di ottenere la conferma dell’esistenza o meno dei medesimi dati e di conoscerne il contenuto e l’origine, verificarne l’esattezza o chiederne l’integrazione o l’aggiornamento, oppure la rettificazione (art.7 del D.Lgs. n° 196/2003).

Ai sensi del medesimo articolo si ha il diritto di chiedere la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, nonché di opporsi in ogni caso, per motivi legittimi, al loro trattamento.

Ricordate che in ogni momento potrete esercitare i diritti a voi attribuiti dall’art, 7 del D.lgs. 196/2003, scrivendo a Associazione Professionisti Home Staging ItaliaPiazza Santo Stefano, 10 – 20122 MILANO oppure inviando una comunicazione tramite e-mail all’indirizzo Piazza Santo Stefano, 10 – 20122 MILANO.

Associazione Professionisti Home Staging Italia aggiornerà periodicamente questo documento di Privacy Policy, al fine di recepire le novità legislative e internazionali in materia.

DATI FORNITI VOLONTARIAMENTE DAGLI UTENTI

L’inserimento facoltativo dei dati nei form presenti sul Sito (newsletter, modulo di contatto, ecc.) così come l’invio facoltativo, esplicito e volontario di dati nei moduli web o di posta elettronica agli indirizzi indicati su questo Sito, per l’ottenimento di servizi specifici e/o di comunicazioni e informazioni comporta la successiva acquisizione dell’indirizzo del mittente, necessario per rispondere alle richieste o per fornire i servizi, le comunicazioni e le informazioni richieste, nonché degli eventuali altri dati personali inseriti.

RELAZIONI INTERNAZIONALI